Quelli come me…

(foto personali da cellulare)

…sono così.

“Noi siamo sardi
Noi siamo spagnoli, africani, fenici, cartaginesi,
romani, arabi, pisani, bizantini, piemontesi.
Siamo le ginestre d’oro giallo che spiovono
sui sentieri rocciosi come grandi lampade accese.
Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo,
lo splendore del cielo, il bianco fiore del cisto.
Siamo il regno ininterrotto del lentisco,
delle onde che ruscellano i graniti antichi,
della rosa canina,
del vento, dell’immensità del mare.
Siamo una terra antica di lunghi silenzi,
di orizzonti ampi e puri, di piante fosche,
di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta.
Noi siamo sardi.”

G.Deledda.

Che ogni cosa sia come voi tutti desiderate.L.

Sempre e solo “loro”.

Sono stanca.

Mi rendo conto che che la stanchezza mentale accumulata a quella fisica mi sta

congelando dentro

Non provo più nulla.

E si sa che quando il Nulla avanza divora.

Come dico sempre ai miei figli non provare Nulla per alcune persone, è la cosa più orribile che possa accadere all’anima.

Continuerò a rifugiarmi nei miei Altrove di libri musica e Arti varie o mi perderò nella Tempesta.

L.