L’amore per la fotografia…

“Le immagini non hanno bisogno di parole, di un testo che le spieghi, sono mute perché devono parlare al cuore e agli occhi.” (Henri Cartier-Bresson)

Amo la fotografia fin da bambina…. non mi piaceva essere il soggetto delle foto,ma adoravo andare in giro la domenica o durante le vacanze con mio padre e la sua piccola Comet,durante il giorno in giro per Torino e la sera a passeggio verso Superga,per cercare di fotografare un tramonto o la luna..con a volte risultati stupendi e a volte disastrosi 😂😂😂😂.

Montava rullini Agfa,era difficoltosa,ma mi aveva insegnato a farlo(credo di averne bruciati decine prima di riuscirci…),anche il flash si comprava da parte…

Era una cosa che adoravo osservare,le mani di mio padre ,mani grosse da lavoratore di graniti,screpolate dalle polveri e dall’umido,che delicatamente agganciavano la pellicola a quella piccola macchina fotografica…mi piaceva il “click” dello scatto e il lampo e lo strano suono che faceva il flash.

Ma la parte più bella era entrare nella camera oscura di un amico di famiglia…dove venivano stampate le nostre foto…era come una magia vedere apparire le immagini immerse nel liquido…a me era concesso ,seduta su uno sgabello, di passare le pinzette per appenderle…ma non potevo toccare niente…. Un giorno mi disse una cosa che ancora faccio:

“quando papà ti insegnerà ad usarla ,tu scatta,ovunque,qualunque cosa, perché a volte puoi catturare dei Sogni”.

Poi , più avanti ,da adolescente ho visto la collezione di foto di Bresson a casa dei genitori di un amico granoso…e ho capito che era vero

I Sogni si potevano catturare.

( prima o poi mi regalerò una bella macchinina)

(H.C.Bresson photo)

…non smettete di catturare i vostri sogni.

L.